Domenicali: “Segnali positivi”. Felipe Massa:”Avrei potuto lottare per il podio”

Ferrari Formula One driver Felipe Massa of Brazil (L) and team mate Fernando Alonso of Spain drive during the Malaysian F1 Grand Prix at Sepang circuit outside Kuala Lumpur April 10, 2011. REUTERS/Tim Chong (MALAYSIA – Tags: SPORT MOTOR RACING)

Il campione del Mondo Sebastian Vettel (Red Bull) ha vinto il Gran Premio della Malesia, seconda gara del mondiale 2011 di Formula 1. Sul tracciato di Sepang, il pilota tedesco ha trionfato centrando il dodicesimo successo della carriera e il secondo stagionale dopo quello ottenuto due settimane fa nel Gp d’Australia. Secondo l’inglese Jenson Button (McLaren), terzo il tedesco Nick Heidfeld (Lotus Renault). L’australiano Mark Webber, al volante dell’altra Red Bull, si è piazzato quarto davanti alle Ferrari del brasiliano Felipe Massa e dello spagnolo Fernando Alonso.

Stefano Domenicali: “Non possiamo essere contenti di questo risultato perché oggi avevamo la possibilità di salire finalmente sul podio. Due episodi, legati uno all’affidabilità (guasto all’ala posteriore mobile di Fernando) e uno al pit-stop (problema all’anteriore sinistra in occasione della prima sosta di Felipe), ci sono costati molto cari. E’ un peccato, perché sul passo di gara la 150° Italia è apparsa molto più competitiva rispetto alla prestazione in qualifica, come avevamo visto a Melbourne. Anche oggi c’è stato un pilota, Vettel, probabilmente irraggiungibile ma siamo stati in grado di lottare con tutti gli altri. Felipe e Fernando hanno disputato un’ottima gara: sta a noi mettergli a disposizione una macchina migliore. Ci troviamo in una situazione in cui bisogna essere perfetti per massimizzare il potenziale a disposizione, considerato che siamo indietro a livello di prestazione: non lo abbiamo fatto e dobbiamo fare di tutto per evitare il ripetersi di simili problemi. Allo stesso tempo, dobbiamo imprimere una forte sterzata allo sviluppo della monoposto per recuperare il ritardo nei confronti dei migliori. Cercheremo di completare al più presto il lavoro di analisi sull’aerodinamica della vettura e di anticipare il più possibile alcuni sviluppi, magari già dalla prossima gara in Cina.”

Felipe Massa: “Sicuramente dobbiamo migliorare la macchina ma è altrettanto vero che il passo in gara è ben diverso dalla prestazione in qualifica. Ciò è positivo ma sappiamo che la posizione in griglia è comunque molto importante quindi dobbiamo crescere su questo fronte. Per quanto riguarda la mia gara, è stato un peccato aver perso dei secondi preziosi in occasione del primo pit-stop: senza quel problema, avrei potuto lottare per il podio. Con le gomme morbide il mio ritmo era molto buono, meno con le dure, tanto è vero che Webber, che pure aveva fatto una sosta in più, è riuscito a passarmi.”

Fernando Alonso: “Sono contento di questa gara: non del risultato ma del fatto che siamo stati finalmente competitivi, in grado di lottare ruota contro ruota per un posto sul podio. Questo ci dà una motivazione in più in vista della prossima gara in Cina. Non siamo stati fortunati: se l’ala posteriore mobile avesse sempre funzionato avrei potuto passare facilmente Hamilton sul rettilineo, invece abbiamo dovuto lottare duramente. Lui si è difeso molto bene e, purtroppo, ci siamo toccati: mi si è rovinato l’alettone e sono dovuto rientrare ai box per sostituirlo, perdendo così la possibilità di salire sul podio. Sono cose che succedono: oggi è andata male a me, un’altra volta avremo più fortuna. La decisione degli Steward? La rispetto e non voglio commentarla. Qui la macchina è sembrata in grado di gestire le gomme molto bene e ciò ci ha consentito di lottare con gli altri. Abbiamo un pacchetto che oggi non ci consente di lottare per la vittoria ma speriamo di averlo presto. A Shanghai ci aspetta un altro weekend difficile, ne siamo consapevoli. Avremo qualcosa di nuovo ma non sappiamo quanto ci consentirà di progredire. Tutti sappiamo che in questo momento dobbiamo stringere i denti ed è quello che faremo: il campionato è ancora molto lungo e non dobbiamo lasciare nulla d’intentato.”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *